Daniele Arru

Area di ricerca: Politica ecclesiastica napoleonica in Francia ed in Italia; legislazione del periodo della dittatura di Garibaldi nelle Due Sicilie.

Tipologia di impegno: assistenza ricerca.

Contatti: arru.daniele@hotmail.it

Curriculum e pubblicazioni:

 Daniele Arru, laureato in Giurisprudenza con una tesi dal titolo “Il principio del confessionismo di Stato nell’esperienza giuridica italiana (1848-1984). Dinamica di un’idea”, ha iniziato l’attività di ricerca approfondendo gli studi di storia del diritto, con particolare riferimento al diritto ecclesiastico statuale ed al diritto canonico. Ammesso al corso di formazione dottorale “Gratianus” presso l’Università di Parigi Sud (anno accademico 1995/96), ha successivamente ottenuto l’ammissione  al Dottorato di Ricerca in Diritto Canonico ed Ecclesiastico presso l’Università di Roma “La Sapienza”(anno accademico 1996/97), conseguendo il titolo di Dottore di Ricerca. Ricercatore universitario di Diritto Ecclesiastico e Diritto Canonico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma “Tor Vergata” dal 2 novembre 1999, ha conseguito la conferma nel ruolo, con decorrenza 2 novembre 2002. Fa parte del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Storia e scienze filosofico-sociali dell’Università di Roma Tor Vergata. E’ componente del Comitato scientifico dell’Istituto internazionale di studi “Giuseppe Garibaldi” di Roma. Le attività di ricerca si sono prevalentemente orientate nel settore della storia giuridica. Un primo ambito di indagine è stato individuato nella legislazione italiana di età napoleonica, con particolare attenzione a quella concordataria. Dopo un’approfondita indagine archivistica e bibliografica condotta in Francia ed in Italia, questi studi hanno condotto alla pubblicazione del lavoro monografico dal titolo: “Il Concordato italiano del 1803” (Milano, 2003). Esso ricostruisce le vicende storiche e i negoziati diplomatici fra la Repubblica italiana (guidata da Napoleone Bonaparte) e la S.Sede relativi a tale stipulazione. Altri studi minori hanno poi consentito di meglio inquadrare la politica ecclesiastica napoleonica in Francia e in Italia. Un secondo ambito di ricerca storica è stato individuato nella legislazione del periodo della dittatura di Garibaldi nelle Due Sicilie (1860), anche qui con speciale attenzione alla politica religiosa, in un frangente decisivo per il processo di unificazione nazionale. A tale tema è dedicata la monografia “La legislazione ecclesiastica della dittatura garibaldina (maggio-novembre 1860)”, (Roma, 2004). Ampliando l’ambito dell’indagine, studi minori sono stati dedicati all’evoluzione del pensiero di Garibaldi in materia ecclesiastica, in rapporto anche agli anni successivi al Sessanta.

Nel più generale ambito degli interessi risorgimentali si pone la più recente monografia dal titolo: ”La legislazione della Repubblica romana del 1849 in materia ecclesiastica” (Milano 2012). In questo studio si pongono in luce le peculiarità dell’ esperienza storica repubblicana nei rapporti Stato-Chiesa,  con particolare riferimento  ai riflessi  legislativi.  Gli studi di carattere giuridico concernono le problematiche del settore concordatario con riferimento all’esperienza italiana e a quella maturata presso vari Stati esteri (monografia “La pratica concordataria posteriore agli Accordi di Villa Madama”, Roma, 2012)

In ambito canonistico, si è dedicato al settore matrimoniale, pubblicando, fra l’altro, il volume dal titolo “La convalidazione semplice del matrimonio nel Codice canonico del 1983” (Roma, 2008)

 PUBBLICAZIONI

1) Il Concordato italiano del 1803, Milano, Giuffrè, 2003, pp.VIII-534.

2) Diritto e politica ecclesiastica nella Dittatura di Garibaldi nelle Due Sicilie (Maggio-Novembre 1860), in “Istituto internazionale di studi Giuseppe Garibaldi. Quaderni storiografici/25”, Roma, 2003, pp.1-13.

3) Di un recente studio in tema di “Città Aperta”, in “La Comunità internazionale”, 2003, fasc.3, pp.137-145.

4) Alcune notazioni nel bicentenario degli Articoli Organici, in AA.VV., Dalla legge sui culti ammessi al progetto di legge sulla libertà religiosa (1° marzo 2002), a cura di Giuseppe Leziroli, Napoli, Jovene, 2004, pp.195-206

5) La legislazione ecclesiastica della Dittatura garibaldina (maggio-novembre 1860), prefazione di Guido Verucci, Roma, La Sapienza Editrice, 2004, pp. X-125

6) Recensione a: Angelo Maria Codevilla, Tra le Alpi in una posizione difficile. La Svizzera nella seconda guerra mondiale e la riscrittura della storia, Locarno, Pedrazzini Edizioni, 2005, pp.189, in “Rivista di studi politici internazionali”, n. 288, 2005, fasc. 4, pp. 749-7507) 7) Recensione a: Stefania Falasca, Un vescovo contro Hitler. Von Galen , Pio XII e la resistenza al nazismo, Cinisello Balsamo, Edizioni San Paolo, 2006, pp.277, in “Rivista di studi politici internazionali”, n. 294, 2007, fasc.2, pp.308-309.

8) Dai Concordati al cesaropapismo nell’Europa napoleonica, in AA.VV.,

9) La Chiesa e l’Europa, a cura di Giuseppe Leziroli, Cosenza, Pellegrini Editore, 2007, pp. 181-201. 9) Sulla legislazione ecclesiastica della Repubblica romana del 1849, in “Clio”, 2007, fasc.2, pp.189-205

10) La convalidazione semplice del matrimonio nel codice canonico del 1983, Roma, La Sapienza Editrice, 2008, pp.139.

11) Garibaldi fra Stato e Chiesa, in “Istituto internazionale di studi Giuseppe Garibaldi. Quaderni storiografici/27”, Roma, 2008, pp.1-19

12) I rapporti fra Stato e Chiesa nel pensiero di Garibaldi, in “Clio”, 2009, fasc. 4, pp. 563-581.

13) Il retaggio costituzionale della Repubblica romana del 1849 (Conferenza dell’on. avv. Mauro Ferri, Presidente emerito della Corte Costituzionale, tenuta a Roma il 9 maggio 2007), a cura e con presentazione di Daniele Arru, Roma, Pioda, 2009, pp.26; nuova edizione, Roma, La Sapienza Editrice, 2012, pp.26.

14) Note marginali nell’ottavo centenario della Compilazione innocenziana, in “Il diritto ecclesiastico”, 2010, n.3-4,  pp.727-738.

 15) La pratica concordataria posteriore agli Accordi di Villa Madama, Roma, La Sapienza Editrice, 2012, pp.V-615

16) La legislazione della Repubblica Romana del 1849 in materia ecclesiastica, prefazione di Mauro Ferri, Milano, Giuffrè, 2012, pp.382.

17) Alle origini della formula “Libera Chiesa in libero Stato”, in “Clio”, 2012, fasc. 3, pp. 441-459.

18) Dalle decretali alle intese. Studi e documenti raccolti a cura di Daniele Arru, Roma, La Sapienza Editrice, 2013, pp.299

Roberta Ascarelli

 Area di ricerca: Letteratura austriaca tra Ottocento e Novecento.

Tipologia di impegno: assistenza ricerca.

Contatti:

Pubblicazioni:

con SONINO C. (a cura di) (2007). “Scrivo tedesco perché sono ebreo”. Canoni, bilanci, prospettive di studio sulla letteratura ebraico tedesca. AREZZO: Bibliotheca Aretina

 (2007). Il ghetto dai cancelli rococò- Letteratura dello Jung Wien e aristocrazia ebraica. In: -. “Scrivo tedesco perché sono ebreo”. Canoni, bilanci, prospettive di studio sulla letteratura ebraico-tedesca. p. 13-62, AREZZO: Bibliotheca Aretina

 (2008). Maschere, messianesimo e massoneria. CULTURA TEDESCA, vol. 34; p. 41-56

  (2009). L’inetto Kaspar e i goffi messaggeri. CULTURA TEDESCA, vol. 37; p. 123-142

 (2009). Dalla “fin de siècle” alla fine della Prima Guerra Mondiale. In: ASCARELLI – BUONO – GALLO – SCAMARDI. Il teatro tedesco del Novecento. p. 3-22, ROMA-BARI: Laterza

  (2007). Lamenti sulle rive del Danubio. A proposito della I scena del II atto di ‘Der Turm’ di H. v. Hofmannsthal. In: AA. VV.. Ex adversis fortior resurgo. p. 549-561, Pisa: Pacini

 (2009). Dresda, Kakania. In: AA.VV.. Atlante della letteratura tedesca. p. 99/ 227-104/ 231, MACERATA: Quodlibet

 (2008). Simbiosi e nichilismo. La predicazione di Jakob Frank e l’integrazione ebraica. In: AA. VV.. Ebrei della Mitteleuropa. p. 19-33, GENOVA: Il Melangolo

 (2007). Note di immortalità. Hofmannsthal sul ‘Concerto campestre’ di Giorgione. In: AA.VV.. Lo sguardo reciproco. p. 175-204, Pisa: ETS,

 (2010). Donne scrittrici di fronte all’Olocausto. In: -. Storia della Shoa in Italia. p. 402-418, Torino: UTET

 (2010). Einem, der vorübergeht. . In: -. The Character Unbound. Studi per William N. Dodd. p. 53-68, AREZZO: Bibliotheca Aretina

 (2010). Eredità e memoria. Riflessioni tedesche sulla letteratura della Shoah. In: -. Oltre la notte. p. 133-149, Firenze: Giuntina

 (2011). Preface. In: -. Along the Road to Esau. p. 6-10, Roma: Bibliotheca aretina

 (2012). Un romanzo del passato per una terra del futuro. In: Herzl Th.. Vecchia terra nuova. vol. 1, p. 217-238, Roma: Bibliotheca aretina,  (2012). Una musa per frankisti. Thomas von Schoenfeld traduce il Salmista. In: AA.VV.. La ‘Santa’ affabulazione. p. 49-77, LAVIS: La Finestra

 (2011). The Unfortunate Encounters of Moses Dobrushka. In: R. Ascarelli – K. Davidowicz. Along the Road to Easu. p. 131-151, Roma: Bibliotheca aretina,

 

‘A teatro con Sabbatai Zewi’ . In: G. Schiavoni – G. Massino. Verso una terra antica e nuova. p. 63-79, Roma: Carocci

 

 (2011). Il romanzo di un funambolo. ‘Altneuland’ di Theodor Herzl. CULTURA TEDESCA, vol. 41; p. 51-66

 

 (2011). Canti di guerra per i figli di David. CULTURA TEDESCA, vol. 40; p. 17-30

 

 (2012). da Roma a Gerusalemme leggendo la Bibbia. In: AA. VV.. Non solo storia. p. 19-28, CESENA: Società Editrice “il Ponte Vecchio”

 

(2012). Vecchia terra nuova. In: Roberta Ascarelli. Vecchia terra nuova. p. 9-209, Bibliotheca Aretina.

Francesco Scorza Barcellona

Area di ricerca: Storia delle Chiese cristiane, agiografia

Tipologia di impegno: assistenza alla ricerca, didattica, tutoraggio.

Contatti: frascobarc@gmail.com

Curriculum e pubblicazioni:

1971- 1982 Assistente ordinario di Storia del cristianesimo nella Facoltà di Lettere e Filosofia nell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, poi nell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

1976 – 1982: professore incaricato, poi incaricato stabilizzato, di Storia del cristianesimo,  nella facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Siena

1983 – ottobre 1990: professore associato di Agiografia, nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

dal 1990: professore di prima fascia di Agiografia, poi di Storia del cristianesimo, nell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

da novembre 1994 a ottobre 2011: coordinatore del Dottorato in Agiografia (poi Storia del cristianesimo e delle Chiese), nell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata”.

da novembre 2011: membro del Collegio dei Docenti del Dottorato in Storia nell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata”.

 

Nell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata” ha ricoperto gli incarichi di Direttore del Dipartimento di Storia (novembre 1992-ottobre 1995, novembre 1998-ottobre 2001), membro del Senato accademico allargato (novembre 2001-ottobre 2004).

 

Membro: dell’Associazione per lo Studio della Santità, dei Culti e dell’Agiografia (AISSCA), di cui è Presidente da ottobre 2010; del Comitato direttivo di Sanctorum, rivista dell’ AISSCA; Comitato scientifico della collana “sacro/santo/ (Rosenberg & Sellier, Torino, poi  Viella,  Roma. E’ stato membro della direzione di Sudi storico-religiosi (poi Studi e Materiali di Storia delle Religioni, nuova serie) dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.condirettore, e tuttora membro del Comitato scientifico, di Hagiographica, Rivista di Agiografia e Biografia della Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino, del Comitato scientifico di Nea Rome (Università di Roma “Tor Vergata”); 

 

Principali interessi di ricerca: Storia della Chiesa antica, la più antica  polemica antigiudaica, l’Africa latina cristiana, con particolare riferimento al Donatismo, l’agiorafia tardoantica e altomedievale, l’agiografia martiriale, l’agiografia regionale italiana (Lazio, Toscana, Umbria, Sicilia), la storiografia agiografica,  le leggende sui Magi evangelici.  

Pubblicazioni recenti (2008-2013)

2008

La Passione di Vittore di Cesarea (BHL 8565) e l’agiografia della Mauretania Caesariensis, in  Monaci, ebrei e santi. Studi per Sofia Boesch Gajano, a cura di A. Volpato, Viella, Roma 2008, pp. 147-166.

Premessa, in Lo spazio del santuario. Un osservatorio per la storia di Roma e del Lazio, a cura di S. Boesch Gajano e F. Scorza Barcellona, Viella, Roma 2008, pp. IX-XX (in collaborazione con S. Boesch Gajano)

Ancora su Marco Polo e i Magi evangelici, in I viaggi del Milione. Itinerari testuali, vettori di trasmissione e metamorfosi del Devisement du monde di Marco Polo e Rustichello da Pisa nella pluralità delle attestazioni, a cura di S. Conte,  Tiellemedia Editore, Roma 2008, pp. 307-336.

I santi neri di Sicilia, in Schiavitù religione  e libertà nel Mediterraneo tra medioevo ed età moderna, a cura di G. Fiume,  in «Incontri Mediterranei» IX, 1-2, fasc. 17 (2008), pp. 163-177.

 2009

Antiche martiri in racconti di passione africani e romani, in Giustina e le altre. Sante e culti femminili in Italia settentrionale dalla prima età cristiana al secolo XII. Atti del VI Convegno di studio dell’Associazione italiana per lo studio della santità, dei culti e dell’agiografia, Padova 4-6 ottobre 2004, a cura di A. Tilatti e F. Trolese, Viella, Roma 2009,  pp. 205-237.

Introduzione in Il corpo e il sacro. Confronti culturali, a cura di F. Scorza Barcellona, in «Sanctorum», 6 (2009), pp. 129-135.

Alle origini del santo patrono, in Santa Barbara e Scandriglia. Atti del Convegno di Studi, Scandriglia 6 dicembre 2003, a cura di D. Scacchi,  Arti grafiche Nobili Sud, S. Rufina di Cittaducale (RI), 2009, pp. 27-34.

Anàlisi literaria i històrica, in, J. M- Gavaldà Ribot, J.M. Aixalà, A. Muñoz Melgar, L. M. Moncunill Cirac, R. Serra Abellà, A. Puig Tarrech, F. Scorza Barcellona Les Actes del martiri de sant Fructuós, bisbe de Tarragona, i del seus diaques sant Auguri i sant Eulogi.. Context històric, teologia i espiritualitat, a cura de J. M. Gavaldà Ribot., Institut Superior de Ciències religioses sant Fructuós – Arquebisbat de Tarragona, Publicacions de l’Abadia de Montserrat, 2009, pp. 39-54.

San Valentino di Roma e/o di Terni tra storia e agiografia, in  Il culto di san Valentino nel Veneto, a cura di F. Rossetto, Atti del Convegno di studi, Monselice 25 ottobre 2008, Padova, 2009, pp. 13-31.

 

2010

Verso la beatificazione di Guglielmo Massaja, in Guglielmo Massaja 1809-2009. All’Africa attraverso l’Africa. Atti del Convegno di apertura delle iniziative di celebrazione (Roma, 11 dicembre 2008), a cura di P. Magistri,  Ministero per i Beni e le Attività Culturali-Direzione generale per le biblioteche, le Istituzioni culturali e il Diritto d’autore – Comitato Nazionale per le Celebrazioni del bicentenario della nascita di Guglielmo Massaja, Roma 2010, pp. 67-76.

.   

La letteratura agiografica: una scrittura di lungo periodo, in La santità. Ricerca contemporanea e testimonianze del passato, Atti del Convegno di Studi, Prato, Biblioteca Roncioniana, 24 novembre 2007, a cura di Sofia Boesch Gajano,, Edizioni Polistampa, Firenze 2011, pp. 27-44.

Předmluva [Premessa], in Příběhy raně křesťanských Mučedníků,  II. Výbor z latinské a řecké martyrologické literatury 4. a 5. století, uspořádal a k vydání připravil P. Kitzler, Vyšehrad, Praha 2011, pp. 11-13. 

I Goti e sant’Agata, in «Bullettino Storico Pistoiese» Anno CIII  (2011), pp. 25-42.

Premessa e Gli Atti dei martiri negli Annales Ecclesiastici, in Cesare Baronio tra santità e scrittura storica, a cura di G. A. Guazzelli, R. Michetto, F. Scorza Barcellona, Viella, Roma 2012, pp. VII-X e 195-221.

La trasmissione del testo agiografico problemi ed esperienze di ricerca, in  E. Paombi (ed.), La trasmissione dei testi patristici latini: problemi e prospettive,  
Atti del convegno,  Roma, 26-28 ottobre 2009  , Brepols, Turnhout 2013, pp. 253-278.

 

Opere in cura :

Lo spazio del santuario. Un osservatorio per la storia di Roma e del Lazio, a cura di S. Boesch Gajano e F. Scorza Barcellona, Viella, Roma 2008

Il corpo e il sacro. Confronti culturali, a cura di F. Scorza Barcellona, in «Sanctorum», 6 (2009), pp. 129-175

 

S. Boesch Gajano, M. T. Caciorgna, V. Fiocchi Nicolai, F. Scorza Barcellona ( a cura di), Santuari d’Italia. Lazio, (a cura di),  De Luca, Roma, 2010.

S, Boesch Gajano, T. Caliò, L. Spera, F. Scorza Barcellona (a cura di), Santuari d’Italia. Roma., De Luca, Roma 2012.

 

– Presentazione del volume La carriera di un uomo di curia nella Roma del Quattrocento. Ambrogio Massari da Cori. Agostiniano: cultura umanistica e committenza artistica, a cura di C. Frova, R. Michetti e  D. Palombi, Viella, Roma 2008   in “Memorie Domenicane” 2010 (anno 127°, Nuova Serie XLI), pp. 606-612.

Gianfranco Bonola

Area di ricerca: rapporto tra Bibbia e interpretazione, con particolare attenzione al tema messianico, versante ebreo-tedesco della cultura del ‘900, concezione messianica della storia, studio alle culture spirituali dell’Estremo Oriente, in particolare al buddhismo mahâyâna

Tipologia di impegno: tutoraggio.

Contatti:  gbonola@uniroma3.it

Curriculum e pubblicazioni:

 Al centro dei miei interessi sta la relazione tra le varie forme di espressione religiosa (testi sacri, dottrine, visioni del mondo, storiosofie) e la riflessione filosofica.

Nel mio iter formativo (Univ. di Torino, Laurea in Filosofia; Istituto per le scienze religiose di Bologna, borsista; Univ. Tübingen, Doktoranden-kolloquium del prof. W. Kasper) ho indagato per questo aspetto dapprima la teologia protestante e la sua ermeneutica (K. Barth, A. v. Harnack, Essenza del cristianesimo, trad. 1980) risalendo fino alle origini illuministiche del metodo storico-critico (con articoli sui “neologi”: J. A. Ernesti e J. S. Semler, sul loro grande vessillifero G. E. Lessing, e sui testi dei loro precursori/ispiratori del XVII° sec.: il Tractatus theologico-politicus di B. Spinoza e il Philosophia S. Scripturae interpres di L. Meijer).

Ancora intorno al rapporto tra Bibbia e interpretazione, ma con crescente concentrazione sul tema messianico, mi sono poi rivolto al versante ebreo-tedesco della cultura del ‘900. Innanzitutto ho accostato il pensiero religioso di F. Rosenzweig e tradotto la sua opera maggiore (La stella della redenzione, 1985) nonché le minori (Il nuovo pensiero, 1983, Dell’intelletto comune sano e malato, 1987, La Scrittura. Saggi 1914-1929, 1991, La radice che porta, carteggio con E. Rosenstock, 1992) unendo e facendo seguire saggi di interpretazione e commento. Mi sono poi dedicato anche a opere di altri intellettuali ebrei, come M. Buber (Il cammino dell’uomo, trad. 1990), H. Cohen (il dibattito con Buber nel 1916), M. Susman (Il libro di Giobbe e il destino del popolo ebraico, trad. 1999), giungendo fino ad analizzare forme di antigiudaismo cristiano (il dibattito tra G. Kittel e M. Buber nel 1933).

Successivamente la mia riflessione si è concentrata sul messianismo (e sulla concezione messianica della storia), facendo perno su W. Benjamin ma con forte attenzione ai suoi interlocutori e amici, G. Scholem ed E. Bloch, e a qualche interprete successivo come J. Taubes. Nel 1997 pubblico, insieme a M. Ranchetti: Walter Benjamin, Sul concetto di storia, che contiene, oltre alle tesi, tutta la documentazione inerente (le varie stesure, varianti, appunti, materiali preparatori prossimi e remoti) insieme a testimonianze della ricezione coeva. Il persistere di questo interesse è evidente nella mia produzione saggistica dell’ultimo periodo.

In parallelo, da alcuni decenni, dedico una quota crescente di studio alle culture spirituali dell’Estremo Oriente, in particolare al buddhismo mahâyâna, su cui ho iniziato a pubblicare qualche contributo. Per una migliore comprensione del fenomeno religioso ritengo assai proficuo avere accesso a un punto di vista come quello buddhista, estremamente difforme dalla tradizione culturale giudeo-cristiana. Considero di particolare interesse analizzare momenti e personaggi dell’incontro, e del confronto/scontro, tra questi universi culturali.

 

 La vera struttura del futuro. Lo Heute di F. Rosenzweig: un antecedente per W. Benjamin, in “Filosofia e teologia” 2, 2000 pp. 268-288

 

Urgenze del lealismo e travagli dell’identità. Dietro le quinte e intorno alla polemica Cohen-Buber, postfazione a

Hermann Cohen, La fede d’Israele è la speranza. Interventi sulle questioni ebraiche (1880-1916), a cura di Pierfrancesco Fiorato, Firenze Giuntina 2000, pp. 283-317

 

Antipolitica messianica. La giustizia di Dio come critica del diritto e del ‘politico’ nel filosofare comune di G. Scholem e W. Benjamin  (1916-1921), in “Fenomenologia e società” N. 2, 2000, pp. 3-36

 

Scholem/Shalom. Due conversazioni con Gershom Scholem su Israele, gli ebrei e la qabbalah, a cura di G. Bonola, pp. 135, Quodlibet, Macerata 2001

 

La dissoluzione del paradiso nel Buddhismo, in Golem l’indispensabile, rivista web < http:// www.enel.it/golem > Nr. luglio 2001

 

1957, il sionista incontra il falso messia, rec. a G. Scholem, Shabbetai Zevi, il messia mistico, 1626-1676, Einaudi Torino 2001, in “Alias”  4 (2001) n. 18. pp. 16/17/22.

 

 “Lo straniero nelle tue porte”. Un confronto tra Gerhard Kittel e Martin Buber (1933), in “Annali di storia dell’esegesi” 18/2 (2001) pp. 559-587

 

The Paradise of Names: Benjamin’s Interpretation of Genesis 1-3 (1916), in The Earthly Paradise. The Garden of Eden from Antiquity to Modernity, cur. F. Regina Psaki, International Studies in Formative Christianity and Judaism, Global Publications Binghamton University, Binghamton, New York 2002, pp. 325-353

 

Equivoci sul nulla. Antichi incontri con la meditazione buddhista, in “Paradigmi” XXI, n. 61 Nuova serie, genn.-apr. 2003, pp. 33-54

 

Bellicismo per troppa affinità. Una lettura di Deutschtum und Judentum di Hermann Cohen (1915), in L’Interculturalità dell’ebraismo, a cura di Mauro Perani, Logo Editore Ravenna 2004, pp. 325-358

 

Taubes contro Scholem. Una diatriba sul messianismo ebraico, in “Humanitas” 60 (1-2/2005) pp. 122-152

 

Rinascere. Il volto (prima) della nascita nel Buddhismo, in Golem l’indispensabile, rivista web < http:// www.enel.it/golem > Nr. 5 giugno 2005

 

Rileggendo la “Stella della redenzione” dopo due decenni.

Prefazione alla seconda edizione italiana,

in Franz Rosenzweig, La Stella della redenzione, a cura di G. Bonola, Vita e pensiero  Milano 2005, pp. XXIX-XXXVII

 

L’impulso dello spirito ebraico all’utopia. Ernst Bloch letto da W. Benjamin e G. Scholem (1919/1920), in Teologia e Politica. Walter Benjamin e un paradigma del moderno, curr. Mauro Ponzi, Bernd Witte, Aragno Torino 2006, pp. 259-314

 

Memoria messianica in Memoria e saperi Percorsi transdisciplinari, curr. Elena Agazzi, Vita Fortunati, Meltemi Roma 2007, pp. 671-693

 

Alcune considerazioni sulla “gnoseologia messianica” di F. Rosenzweig, in Il futuro del «nuovo pensiero». In dialogo con Franz Rosenzweig. “Teoria” XXVIII/2008/1, pp. 77-90

 

Le delusioni del messianico in Gershom Scholem. Fedeltà mediante il rinnegamento, in “B@belonline/print”, n. 4 (2008), pp. 153-167

 

Il paradosso della liberazione dal male nel buddhismo. Figure della liberazione: dal nirvâna alla prajña alla fede nel grande voto di Amitâbha, in “Quaestiones disputatae” Nuova serie 1/2010, pp. 41-79

 

Il bene e il rituale. Gershom Scholem e Franz Rosenzweig a proposito di Die Wirklichkeit der Hebraer di Oskar Goldberg, pp. 1-30, saggio in rete, all’ indirizzo: http://www.babelonline.net/Spazio_aperto_babelonline.html

 

Gershom Scholem a spada tratta contro Die Wirklichkeit der Hebräer di Oskar Goldberg (con le riserve di Franz Rosenzweig), in Tra Torah e Sophia. Orizzonti e frontiere della filosofia ebraica, cur. O. Ombrosi, Marietti, Genova-Milano 2011, pp. 225-248

Maria Lupi

Area di ricerca: Concilio di Trento, storia dei vescovi e del clero in Italia in età moderna e contemporanea, la storia della Chiesa a Roma tra età moderna e contemporanea.

Tipologia di impegno: tutoraggio, assistenza alla ricerca.

Contatti: maria.lupi@teletu.it

Curriculum e pubblicazioni:

Maria Lupi è professore associato confermato (SSD M-STO/07), in servizio presso il Dipartimento di Studi Storici Geografici Antropologici dell’Università Roma Tre, dove insegna Storia della Chiesa ed è coordinatrice della LM in Scienze delle Religioni. Fa parte del collegio dei docenti del dottorato del Dipartimento e del dottorato di Storia dell’Università Tor Vergata.

È Vice Direttore della «Rivista di storia della Chiesa in Italia» e Presidente della Fondazione “Michele Maccarrone per la storia della Chiesa in Italia”.

La sua attività scientifica, dopo un iniziale interesse per il Concilio di Trento, si è rivolta alla storia dei vescovi e del clero in Italia in età moderna e contemporanea, con particolare riguardo agli aspetti formativi e culturali. Ha pubblicato diversi saggi e un volume sul clero a Perugia nel XIX secolo (1985-1998); saggi sull’episcopato umbro (1997-2007) e un volume sulle lettere pastorali dei vescovi dell’Umbria, in collaborazione con B. Bocchini Camaiani (1999), nonché saggi di carattere più generale sul clero e sui vescovi italiani soprattutto nell’Ottocento (2006-2011). Ha collaborato a una Histoire générale du Christianisme, (2010) e una Storia religiosa dell’Italia, ora in corso di stampa.

Un filone di ricerca più recente riguarda la storia della Chiesa a Roma tra età moderna e contemporanea. In questo ambito ha pubblicato saggi dedicati a diversi aspetti della vita religiosa soprattutto nel XIX secolo: dalla pastorale alle devozioni, dall’opera di religiosi e religiose alla presenza dei vecchi cattolici (2001-2011). Sta ora preparando un volume sull’istruzione catechistica.

Ha collaborato alla terza edizione del «Lexikon für Theologie und Kirche» (1993-2001), del Dizionario storico delle diocesi italiane (2007-2008). Ha curato il volume di Pietro Stella, Il libro religioso in Italia. Studi e ricerche (2008) e in sua memoria: Pietro Stella: la lezione di uno storico, con A. Giraudo (2011). Ha curato con Sara Cabibbo il volume: Relazioni religiose nel Mediterraneo. Schiavi, redentori, mediatori (secc. XVII-XIX), frutto di un progetto PRIN, ora in corso di stampa.

Attualmente partecipa a un Dizionario storico della Chiesa italiana e a un manuale di Storia del Cristianesimo.

È coordinatrice del gruppo di ricerca internazionale impegnato nell’accordo tra l’Università Roma Tre, la Pontificia Università Cattolica del Cile e l’Università del Cile.

 

Più recenti pubblicazioni: quelle comprese nel periodo 2000-2012 (escluse le recensioni e le voci di dizionario)

1) Problemi pastorali a Roma nell’età di Pio IX, in La comunità cristiana di Roma, vol. 3. la sua vita e la sua cultura tra età moderna ed età contemporanea. Atti del convegno (Roma, 25-27 novembre 1999), a cura di Mario Belardinelli – Pietro Stella, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2002 (Atti e documenti, 14), pp. 133-174.

2) Italian Historical Periodicals on the Church and Christianity since the End of the Second  World War, in Religious Studies in the 20th Century. A Survey on Disciplines, Cultures and Questions. Proceedings of the Assisi Conference, Decembre 11-13 2003, edd. Massimo Faggioli – Alberto Melloni, Münster, LIT Verlag, 2006 (Christianity and history, 2), pp. 273-305.

3) Clero italiano e cura pastorale in età contemporanea. Fonti e dibattito storiografico, in «Rivista di storia della Chiesa in Italia» 59 (2006), pp. 69-89 (spedito 15.10.2005). ISSN 4) Profilo di un episcopato. Gioacchino Pecci a Perugia nel dibattito storiografico, in Da Perugia alla Chiesa universale. L’itinerario pastorale di Gioacchino Pecci, Atti del convegno (Perugia, 10-11 ottobre 2003), a cura di Mario Tosti, Foligno, Editoriale Umbra – Perugia, Istituto per la Storia dell’Umbria contemporanea, 2006 (Studi e ricerche), pp. 21-54.

5) Vescovi e seminari in Umbria tra Sette e Ottocento, in L’istruzione in Italia tra Settecento e Ottocento. Lombardia – Veneto – Umbria, I. Studi, a cura di Angelo Bianchi, Brescia, La Scuola, 2007 (Paedagogica, n.s., 5*), pp. 361-396.

6) Umbria, in Le diocesi d’Italia, vol. I. Le regioni ecclesiastiche, diretto da Luigi Mezzadri – Maurizio Tagliaferri – Elio Guerriero, Cinisello Balsamo, Ed. San Paolo, 2007, pp. 119-132.

7) Luoghi di devozione e istituzioni ecclesiastiche a Roma tra età moderna ed età contemporanea, in Lo spazio del santuario. Un osservatorio per la storia di Roma e del Lazio, a cura di Sofia Boesch Gajano – Francesco Scorza Barcellona, Roma, Viella, 2008 (Chiese d’Italia, 3), pp. 241-272.

8) Introduzione e curatela di Pietro Stella, Il libro religioso in Italia. Studi e ricerche, a cura di Maria Lupi, Roma, Viella, 2008 (Studi e ricerche, 18) (Introduzione, pp. IX-XV).

9) Presentazione a Cesare Masala, Il culto di Nostra Signora d’Itria in Sardegna. La storia, le tradizioni, le località, Cagliari, Aisara, 2008, pp. 5-7.

10) Chiesa e dissenso religioso: i vecchi cattolici a Roma, in «Annali di storia dell’esegesi», 26/2 (2009), pp. 195-220.

11) L’istruzione religiosa a Roma tra Settecento e Ottocento, in Il mestiere dello storico tra ricerca e impegno civile. Studi in memoria di Maria Cristina Giuntella, a cura di Luisa Proietti, Roma, Aracne editrice, 2009 (AII, 468), pp. 35-56.

12) Religiosi francesi a Roma tra Rivoluzione e Restaurazione: il caso dei Fratelli delle Scuole Cristiane, in L’échanges religieux entre l’Italie et la France, 1760-1850. Regards croisés. Scambi religiosi tra Francia e Italia 1760-1850. Sguardi incrociati, textes réunis par Frédéric Meyer – Sylvain Milbach,  Chambéry, Presse de l’Université de Savoie, 2010, pp. 145-174.

13) Restaurations et derniers temps de l’absolutisme, in Histoire générale du Christianisme, sous la direction de Jean-Robert Armogathe, II vol. De XVIe siècle à nos jours, dirigé par Jean-Robert Armogathe – Yves-Marie Hilaire, Paris, PUF, 2010, pp. 555-580.

14) curatela (con Aldo Giraudo) e Introduzione (pp. 5-8) del volume Pietro Stella: la lezione di uno storico, Roma, LAS, 2011 (Studi storici, 16).

15) La figura scientifica di Pietro Stella, in Pietro Stella: la lezione di uno storico, a cura di Maria Lupi – Aldo Giraudo, Roma, LAS, 2011 (Studi storici, 16), pp. 9-25.

16) Vescovi/1: dal 1848 alla fine del secolo, in Cristiani d’Italia. Chiese, società, Stato 1861-2011, diretto da Alberto Melloni, II vol., Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, 2011, pp. 807-825.

17) Clero e cultura in Italia tra antico regime ed età liberale: percorsi storiografici, in Devozioni, pratiche e immaginario religioso. Espressioni del cattolicesimo in Italia e America Latina tra 1400 e 1850. Storici cileni e italiani a confronto, a cura di René Millar – Roberto Rusconi, Roma, Viella, 2011 (Studi e e ricerche, 26), pp. 319-341.

18) Les Visitandines à Rome  au XIXe siècle, in Pour Annecy et pour le monde. L’Ordre de la Visitation. Actes du colloque international d’Annecy (1er – 3 juin 2010), réunis par Marie-Elizabeth Henneau – Paola Vismara – Bernard Barbiche – Julien Coppier – Yves Kinossian – Claude Langlois, Cinisello Balsamo, Silvana editrice – Annecy, Archives Départementales de la Haute Savoie, 2011, pp. 151-163.

19) Ricordando Pietro Stella, in Il giansenismo e l’Università di Pavia. Studi in ricordo di Pietro Stella, a cura di Simona Negruzzo, Milano, Cisalpino, 2012 (Fonti e studi per la storia dell’Università di Pavia, 63), pp. 3-21

20) Formazione e modelli sacerdotali, in Gregorio XVI tra oscurantismo e innovazione. Stato degli studi e percorsi di ricerca, a cura di Romano Ugolini, Pisa-Roma, Fabrizio Serra editore, 2012 (Risorgimento – idee e realtà, n.s. 36), pp. 115-138

21) (con Sara Cabibbo), Tra autorappresentazione, cronaca e negozio spirituale. Il trattato del mercedario Ignacio Vidondo e la redenzione di Algeri del 1654, in Relazioni religiose nel Mediterraneo. Schiavi, redentori, mediatori (secc. XVI-XIX), a cura di Sara Cabibbo – Maria Lupi, Roma, Viella, 2012 (Studi e ricerche, 28), pp. 65-110, in particolare pp. 72-84; 95-100.

22) (con Sara Cabibbo), Introduzione (pp. 7-10) e curatela di Relazioni religiose nel Mediterraneo. Schiavi, redentori, mediatori (secc. XVI-XIX), a cura di Sara Cabibbo – Maria Lupi, Roma, Viella, 2012 (Studi e ricerche, 28).

23) Voce Giovanni Muzi, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. LXXVII, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, 2012, pp. 598-602

24) Le Madonne coronate, in Santuari d’Italia. Roma, a cura di Sofia Boesch Gajano – Tommaso Caliò, Francesco Scorza Barcellona – Lucrezia Spera, Roma, De Luca editori, 2012, pp. 71-84

25) Voce Divino Amore, in Santuari d’Italia. Roma, a cura di Sofia Boesch Gajano – Tommaso Caliò, Francesco Scorza Barcellona – Lucrezia Spera, Roma, De Luca editori, 2012, pp. 281-284.

26) Giacomo Martina storico della Chiesa, in «Sanctorum» 8-9 (2011-2012), pp. 292-297

 

 

Pietro Vereni

Area di ricerca: antropologia politica, nazionalismo, etnicità, antropologia dei media

Tipologia di impegno: assistenza ricerca, tutoraggio.

Contatti: pietro.vereni@uniroma2.it – pierovereni.blogspot.com

Curriculum e pubblicazioni:

Sono nato a Mestre nel 1963 e mi sono laureato nel 1992 in antropologia culturale alla Sapienza di Roma con Alberto Cirese. L’anno dopo vinsi una borsa di dottorato in “scienze antropologiche” alla Sapienza, allora diretto da Pietro Clemente. Durante il dottorato frequentai per un semestre l’Università di Militene, nell’isola di Lesbo, e lì decisi di intraprendere la mia ricerca sul campo sulla “questione macedone”. Dal giugno 1995 al febbraio 1997 ho quindi soggiornato in Grecia e dopo un anno trascorso a Salonicco nel giugno 1996 ho iniziato la ricerca sul campo a Neos Kafkasos, un paesino di trecento abitanti sul confine tra Grecia (Macedonia occidentale) e Repubblica (ex Jugoslava) di Macedonia, per indagare le forme dell’appartenenza tra gli abitanti plurilingue della provincia (greco, slavo-macedone, greco del Ponto e della Turchia, arvanitika e vlahika). Questo diffuso plurilinguismo si è sempre scontrato con un discorso nazionale fortemente uniformante, che ha prodotto diverse tensioni sociali, a volte declinate in chiave “etnica”.

Dopo il dottorato, sono stato per sette mesi all’università di Belfast per condurre una ricerca (parte di un progetto europeo) sul ruolo del confine politico nel produrre esclusione sociale. Ritornato dall’Irlanda nel maggio 1999, sono stato quattro mesi in Grecia (finanziamento Prin) e in quell’autunno ho iniziato le mie prime esperienze didattiche, insegnando contemporaneamente a Venezia e all’Institutum Studiorum Humanitatis di Lubiana (Slovenia). Nell’autunno 2000 sono tornato a Roma per lavorare come caporedattore presso Meltemi editore, e dopo due anni ho ripreso la mia attività didattica e di ricerca, insegnando e facendo ricerca, con moltissime tipologie di contratto, presso la Sapienza di Roma, l’Unical (Cosenza), l’università di Firenze, l’Orientale di Napoli e l’università di Teramo. Nel frattempo, non ho smesso di lavorare come traduttore e redattore editoriale di saggistica antropologica.

Nel 2008 ho vinto un concorso come ricercatore a Tor Vergata e l’anno dopo ho iniziato a insegnare anche al Trinity College Rome Campus. Attualmente, i miei settori di ricerca sono soprattutto l’antropologia dei media e l’antropologia urbana, con una particolare attenzione per l’espressione collettiva della diversità e la formazione di identità politiche intenzionalmente “multietniche” legate alle occupazioni abitative nella città di Roma.

Pubblicazioni dal 2000

  1. Vereni P., 2000, «Os Ellin Makedonas. Autobiography, Memory and National Identity in Western Greek Macedonia», in Jane Cowan (ed.), Macedonia. The Politics of Identity and Difference, London, Pluto Press, pp. 47-67. ISBN: 0745315895
  2.  Vereni P., 2001, «Il paradosso nazionale in un’autobiografia di confine», in Q. Antonelli e A. Iuso (a cura), Vite di carta, Napoli, L’Ancora del Mediterrraneo, pp. 237-247. ISBN: 88-8325-021-4
  3. Vereni P., 2001, «Il discorso nazionale e le voci del confine: il caso greco-macedone e quello irlandese a confronto», in A. Pitassio (a cura), L’intreccio perverso. Costruzione di identità nazionali e nazionalismi xenofobi nell’Europa Sud-orientale, Perugia, Morlacchi, pp. 167-212. ISBN: 88-87716-32-3
  4.  Vereni P., 2001, «Wir Sind einfach Griechen – wir sind keine Griechen – wir wissen nicht, wer wir sind. Die Neuformulierung von Identitäten unter Makedoniern im westlichen griechisch Makedonien nach 1990», in Ulf Brunnbauer (a cura), Umstrittene Identitäten. Ethnizität und Nationalität in Südosteuropa, Frankfurt am Main, Peter Lang, pp. 31-61. ISBN: 3-631-38199-9
  5.  Vereni P., 2001, «Nota del traduttore», in A. Appadurai, Modernità in polvere. Dimensioni culturali della globalizzazione, Roma, Meltemi, pp. 7-8. ISBN: 978-88-8353-060-9
  6.  Vereni P., 2002, «Dopo l’identità. Etnia e nazione in Macedonia greca (1985-1999)», Passato/Presente, vol. XX, n. 55, pp. 81-108. ISSN: 1120-0650
  7.  Vereni P., 2002, “Quando la città racconta”, La nuova ecologia, xxii, 9, pp. 71-75. ISSN: 1592-5048
  8.  Vereni P., 2003, “Nota”, Lares, lxix, 1, pp. 131-132. ISSN: 0023-8503
  9.  Vereni P., 2004, Vite di confine. Etnicità e nazionalismo nella Macedonia occidentale greca, Roma, Meltemi, 240 p. ISBN: 88-8353-307-0

10. Vereni P., 2004, Recensione di K. Brown, “The Past in Question. Modern Macedonia and the Uncertainties of Nation”, American Ethnologist, XXXI, 3, August. ISSN: 0094-0496

11. Vereni P., 2005, “La soapizzazione dell’anima”, in AA.VV., Best off. Il meglio delle riviste letterarie italiane. Edizione 2005, Roma, minimum fax, 2005, pp. 99-106. ISBN: 88-7521-039-X

12.Vereni P., a cura di, 2005, Sicuri da morire. La violenza etnica nell’epoca della globalizzazione, di A. Appadurai, Roma, Meltemi, 189 p. ISBN: 88-8353-233-3

13. Vereni P., 2005, “Il pericolo della purezza: Appadurai e la violenza etnica”, in A. Appadurai, Sicuri da morire. La violenza nell’epoca della globalizzazione, Roma, Meltemi, pp. 173-184. ISBN: 88-8353-233-3

14. Vereni P., a cura di, 2005, Matthew Hibberd, Il grande viaggio della BBC. Dagli anni Venti all’era digitale, Roma, Rai-Eri, 409 p. ISBN: 88-397-1377-8

15. Vereni P., 2005, “Il pensiero confinante / The Bordering Thought”, in Borders. Ricerca multimediale sui confini oggi / Multimedial Research into Frontiers Today, Venezia, Patagonia art, pp. 52-56. ISBN: 88-8409-152-7

16. Vereni P., a cura di, 2006, “Indice dei nomi e delle cose notevoli”, in Milly Buonanno, a cura di, Le radici e le foglie. La fiction italiana, l’Italia nella fiction. Anno diciassettesimo, Roma, Rai-Eri, pp. 301-344. ISBN: 88-397-1391-3

17.Vereni P., 2006, “Museale e virtuale”, AM/Antropologia Museale, anno 4, numero 15, inverno, pp.  54-57. ISSN: 1971-4815

18.Vereni P., 2006, “Per Clifford Geertz”, AM/Antropologia Museale, anno 4, numero 15, inverno, p.  60. ISSN: 1971-4815

19. Vereni P., 2007, “Identità comunitaria”, in Marcello Flores, Tania Groppi e Riccardo Pisillo Mazzeschi (a cura di), Diritti umani. Cultura dei diritti e dignità della persona nell’epoca della globalizzazione. Dizionario ii H-W, Torino, Utet, pp. 710-716. ISBN 978-88-02-07745-1

20. Vereni P., 2007, “Pastori e pinocchi, balordi e ballerini. il mutamento dell’immagine degli albanesi nei mezzi di comunicazione italiani (1997-2006)”, Achab. Rivista di antropologia, IV, 11, ottobre 2007, pp. 47-58. ISSN: 1971-7946

21. Vereni P., 2007, “Nota. Aggregazione e disaggregazione nella laografia greca e nella demografia italiana”, Lares, LXIV, 3, pp. 609-618. ISSN: 0023-8503

22. Vereni P., 2008, Identità catodiche. Rappresentazioni mediatiche di appartenenze collettive, Roma, Meltemi, 168 p. ISBN: 978-88-8353-672-4

23. Vereni P. 2008, “A Sud della fiction. L’immagine del Meridione italiano nella narrativa televisiva (1988-2007)”, Meridiana, LXI (1), pp. 29-50. ISSN: 0394-4115

24. Vereni P. 2009, “Media”, AM/Antropologia museale, anno 8, numero 22, speciale 2009, pp. 75-77. ISSN: 1971-4815

25. Vereni P., a cura di, 2009, Passato identità politica. La storia e i suoi documenti tra appartenenze e uso pubblico, Roma, Meltemi, 96 p. ISBN: 978-88-7881-015-0

26. Vereni P. 2009, “Introduzione”, in P. Vereni, a cura di, 2009, Passato identità politica. La storia e i suoi documenti tra appartenenze e uso pubblico, Roma, Meltemi, pp. 7-11. ISBN: 978-88-7881-015-0

27. Vereni P. 2009, “Il potere è passato. Riflessioni antropologiche sull’uso politico della storia”, in P. Vereni, a cura di, 2009, Passato identità politica. La storia e i suoi documenti tra appartenenze e uso pubblico, Roma, Meltemi, pp. 81-95. ISBN: 978-88-7881-015-0

28. Vereni P. 2009, “Blogging Lévi-Strauss”, AM/Antropologia museale, anno 8, 23/24, pp. 61-63. ISSN: 1971-4815

29. Truglia N., Vereni P., 2009 “Appiglio e zavorra. Per un’antropologia di quel che succede”, AM/Antropologia museale, anno 8, 23/24, pp. 86-87. ISSN: 1971-4815

30. Vereni P. 2009, “Fieldwork a Pandora. Riflessioni sulle audience globali e la perdita del punto di vista del nativo”, AM/Antropologia museale, anno 8, 23/24, pp. 7-18. ISSN: 1971-4815

31. Vereni P. 2010, “Fieldwork in Pandora. What does Anthropology have to do with a Blockbuster?”, Paradigmata. Zeitschrift für Menschen und Diskurse, 1, Juni, pp. 113-115. ISSN: 1996-5249

32. Vereni P. 2010, “Università e sapere”, ACHAB. Rivista di antropologia, vol. 15, p. 29-31, ISSN: 1971-7946

33. Vereni P., 2010, “La finzione nazionale. La rifrazione dell’identità cinese nel prisma della narrazione televisiva”, in Silvio Grasselli e Serafino Murri (a cura di), La realtà dopo il cinema. Percezione, senso, azione nel mondo visto, Roma, Fondazione Ente dello Spettacolo, pp. 71-82. ISBN: 978-88-85095-56-4

34. Alessandra Broccolini e Piero Vereni, 2010, “Giovani ‘etnografi sperimentali’”, AM/Antropologia museale, anno 9, 25/26, pp. LIII-LVI. ISSN: 1971-4815

35.Vereni, P., 2011, “L’onore e la vergogna, oggi”, Diogene. Filosofare oggi, IV, 24, pp. 15-18. [ISSN] 1826-4778

36. Piero Vereni, a cura di, 2012, Modernità in polvere. Dimensioni culturali della globalizzazione, di A. Appadurai, Milano, Cortina. ISBN 978-88-6030-448-3.

37. Piero Vereni, 2012, “Le modernità di tutti. Il contributo di Arjun Appadurai al dibattito sulla globalizzazione”, in A. Appadurai, Modernità in polvere. Dimensioni culturali della globalizzazione, Milano, Cortina, pp. VII-XLI. ISBN 978-88-6030-448-3.

38. Piero Vereni, 2012, “La vergogna nell’epoca della sua irriproducibilità tecnica”, Sensibilia 5, a cura di Emanuele Antonelli e Manrica Rotili, Milano-Udine, Mimesis, pp. 349-360.

Collegio docenti (Scsf)

Marina Montacutelli

Area di ricerca: Storia moderna, storia economica.

Tipologia di impegno: assistenza ricerca, tutoraggio.

Contatti: montacutelli@sns.it

Curriculum e pubblicazioni:

Marina Montacutelli si è formata alla Scuola Normale Superiore di Pisa, all’Istituto Italiano per gli Studi Storici e all’EHESS di Parigi. La sua attività di ricerca si è incentrata da un lato sull’ambito mediterraneo, indagato nel continuo definirsi e ridefinirsi dei suoi confini in antico regime precisando milieux culturali, religiosi, economici e politici; dall’altro sulla categoria “identità” in cui l’analisi dei nessi tra Stato, politiche ed economie ha consentito di chiarire meglio in sede scientifica la mobilità, di scandire e determinare la categoria circostanziandone la validità euristica, di evidenziare – cogliendone le determinanti storiche – casi di costruzione intellettuale e di mostrarne la periodizzazione. E’ il caso della storia e della storiografia “della” e “sulla” Repubblica di Genova e delle interrelazioni tra questa e il Regno di Napoli negli anni in cui iniziò e si consolidò quel siglo de los genoveses che sconvolse i rapporti economici e gli equilibri mediterranei ed europei.
Nel primo caso le ricerche e l’attività si sono concentrati sui processi storico-culturali che hanno consolidato “confini di civiltà” e sulla loro individuazione, sul loro ruolo nel formarsi nella cultura europea quale elemento forte per la definizione di appartenenze ed esclusioni, sulla loro funzione nel processo identitario europeo. Nel secondo, si è indagato in particolare la periodizzazione e la tipologia del “secolo dei genovesi”, l’ascesa della Repubblica di Genova e dei suoi hombres de negocios ad una rilevanza tra le gerarchie economiche dell’economia-mondo europea, l’espansione delle dimensioni e della portata economica di quel sistema, sul valore paradigmatico – anche per confronto e differenza (con le Province Unite e l’Olanda in particolare) – dell’esperienza dei Magnifici. Più recentemente si sta interessando, anche per comparazione, ai profili istituzionali, ai milieux intellettuali e alle dinamiche politiche che hanno reso possibile una tale, e così estesa nel tempo e nello spazio, egemonia nonché alle istituzioni di ricerca e di alta formazione che permisero nel lungo periodo la riproduzione delle élites in un comune terreno di “scala” europea.

Con i lavori su Emilio Sereni e Manlio Rossi-Doria si è impegnata inoltre nel tentativo di comprendere il ruolo dell’agricoltura e degli assetti territoriali e delle loro trasformazioni nella storia d’Italia, nonché quello del Mezzogiorno uscente dall’eccezionalismo negativo per ritrovarsi, in sede analitica, piuttosto nelle differenze, nelle gerarchie mobili, negli spazi instabili, nella dimensione storica. In tal senso, anche la collaborazione con l’Istituto Meridionale di Storia e Scienze Sociali (IMES) – che ha contribuito a fondare, come pure la rivista “Storica” – e con la rivista “Meridiana”, della cui redazione fa parte. Fa inoltre parte del collegio dei docenti del Dottorato “Storia politica e sociale dell’Europa moderna e contemporanea” dell’Università di Roma Tor Vergata e della SISEM. Le ricerche e i risultati raggiunti sono stati presentati in diversi seminari e convegni pubblici nazionali ed internazionali, saggi, anche divulgativi, e working papers.

Sara Cabibbo

Area di ricerca: storia sociale e religiosa; storia della santità; storia di genere

Tipologia di impegno: tutorato, assistenza ricerca.

Contatti: cabibbo@uniroma3.it

Pubblicazioni

Monografie:

 Santa Rosalia fra terra e cielo. Storia, linguaggi, simboli di un culto barocco, Sellerio editore, Palermo, 2004.

 Un inglese, un italiano, uno spagnolo. Europei nello specchio della Francia (secc. XVI-XVIII), Biblink, Roma, 2010.

 

Volumi curati e introdotti:

 

S. Cabibbo, K. Børresen, E. Specht (eds), Gender and religion. European Studies, Carocci editore, Roma, 2001;

S. Cabibbo and K. E. Børresen (eds), Gender, Religion Human Rights in Europe, Herder, Roma, 2006;

S. Cabibbo e M. Lupi (eds), Convivenze e conflitti religiosi nel Mediterraneo (secc. XVII-XIX), Viella, Roma 2012 (in press);

 

Articoli, saggi e note critiche:

 

 Catene di inventioni. Cittadine sante a Palermo fra XVI e XVII secolo, in Il santo patrono e la città. San Benedetto il Moro: culti, devozioni, strategie di età moderna, a cura di G. Fiume, Marsilio, Venezia 2000, pp. 199-216;

 

Soggettività femminile e asimmetria delle relazioni familiari nel 17° secolo, in Trame parentali, trame letterarie, a cura di M. Del Sapio Garbero, Liguori editore, Napoli, 2000,  pp. 195-210;

 

 La reprise d’un ancien topos dans l’Italie de la Contre-Réforme: la veuve chretienne  in Gender and religion, cit. pp. 281-293;

 

Il mestiere di storica. Annarita Buttafuoco e la Società Italiana delle Storiche, in Annarita Buttafuico. Ritratto di una storica, a cura di A. Rossi Doria, Jouvence, Roma, 2001;

 

Locale, nazionale, sovranazionale. Qualche riflessione sulle raccolte agiografiche di età moderna, in Europa sacra. Raccolte agiografiche e identità politiche in Europa fra Medioevo ed Età moderna, a cura di S. Boesch e R. Michetti, Carocci editore, 2002, pp. 397-402;

 

 Il “libro serrado” di Maria de Agreda. Per un’analisi della cultura biblica femminile nella Spagna del Seicento in La Bibbia nell’interpretazione delle donne, a cura di C. Leonardi e A. Valerio, Fondazione Franceschini di Firenze, ed. del Galluzzo, 2003,  pp. 85-105;

 

 Una “dama niña y hermosa” nella Nuova Spagna. Maria d’Agreda fra gli Indios, in Ordini religiosi, santità e culti: prospettive di ricerca tra Europa e America Latina, a cura di G. Zarri, Congedo editore, Lecce, 2003, pp. 111-127;

 

 Una profetessa alla corte di Spagna. Il caso di Maria d’Agreda fra Sei e Settecento, in “Dimensioni e problemi della ricerca storica”, I, 2003, pp. 83-105;

 

Viver vita laica, devota e libera.  La “terza via” di Clemenza Ercolani Leoni, vedova bolognese, “Archivio per la storia delle donne”, I/ 1, 2004,  pp. 195 – 218.

 

Carismi femminili nella Spagna barocca, in Donne cristiane e sacerdozio. Dalle origini all’età contemporanea, a cura di D. Corsi, Viella, Roma, 2004, pp. 179-184.

 

Voci: Isabella Tomasi, Maria Roccaforte, santa Ninfa, santa Rosalia, Dizionario Le siciliane, Romeo editore, Siracusa, 2006

 

Vizi e virtù di una “societad ensimismada”. Maria d’Agreda e la Spagna di Filippo IV, “ Península. Revista de Estudios Ibéricos”, 3, 2006, pp. 165-172

 

Monoteismo e differenza di genere nel cristianesimo, in Rita El Khayat fra testimonianza e realtà. Donne arabe, cultura, formazione e percorsi d’identità, a cura di A. Alberici, Anicia editrice, Roma, 2007,  pp. 49-62

 

Parole di donne «por el goberno de esta monarquía». Profezie, visioni e stimmate nella Spagna di Filippo IV, in Donne fra saperi e poteri nella storia delle religioni, a cura di S. Boesch Gajano e E. Pace, Morcelliana, Brescia, 2007, pp. 221 – 236

 

Il “meraviglioso fisiologico” di Veronica Giuliani fra modello francescano ed erudizione barocca, in I cappuccini nell’Umbria del Settecento. a cura di G. Ingegneri, Bibliotheca seraphica-cappuccina, 82, Istituto Storico dei Cappuccini, Roma, 2008, pp. 169 -184.

 

Memoriali, perizie, trattati. Scritture settecentesche per un’aspirante santa, in Monaci, ebrei, santi. Studi per Sofia Boesch Gajano, a cura di A. Volpato, Viella, Roma, 2008, pp. 491-510.

 

Percorsi del potere femminile fra Italia e Spagna: il caso di Vittoria Colonna Enriquez (1558-1633), in Donne di potere nel Rinascimento, a cura di L. Arcangeli e S. Peyronel Rambaldi, Viella, Roma, 2009, pp. 417 – 444.

 

Perspectives pour une histoire institutionelle et culturelle des espaces religieux féminins dans l’Italie moderne, in Genre et identités aux Pays-Bas méridionaux. Léducation religieuse des femmes après le Concile de Trente, a cura di S. Mostaccio,  Arca, Louvain-la Neuve, 2010, pp. 13-27.

 

Voci Discretio spirituum e Maria d’Agreda in Dizionario storico dell’Inquisizione, a cura di A. Prosperi, con la collaborazione di V. Lavenia e J. Tedeschi, Edizioni della Scuola Normale di Pisa, Pisa 2010, vol. I, pp. 24-25; 495-496.

 

Modelli di sovranità e semantica del religioso: alcuni studi di caso in Immagini, culti, liturgie: le connotazioni politiche del messaggio religioso, a cura di P. Ventrone, L. Gaffuri, «Annali di storia moderna», 16, 2010, pp. 441-448.

 

Il diavolo in monastero. Letture e scritture di monache nel XVII secolo, in Devozioni, pratiche e immaginario religioso. Espressioni del cattolicesimo tra 1400 e 1850, a cura di R. Millar e R. Rusconi, coedizione del Dipartimento di Studi storici, geografici, antropologici dell’Università di Roma Tre e della Pontíficia Universitad Católica de Chile, Viella, Roma, 2011, pp. 261-291.

 

Cronache dal convento, in La rivoluzione in convento, a cura di S. Ceglie,  Viella, Roma, 2012, pp. 9-49.

 Di prossima pubblicazione

 Il paradigma di Baronio e la sua diffusione fra gli oriatoriani: la santità martiriale femminile (Atti del convegno  Cesare Baronio tra santità e scrittura storica, Roma, 25-27 giugno), Viella, Roma

 

A tavola con indulgenza, in La confraternita delle Sagre Stimmate e il giubileo del 1725, a cura di R. Michetti, Fondazione Besso, Roma

 

L’agiografia nel meridione degli Austrias (Atti del Convegno di studi Italia Sacra. Le tradizioni agiografiche regionali, Foligno, 19-21 giugno 2008)

 

[con M. Lupi], Tra autorappresentazione, cronaca e negozio spirituale. Il trattato del mercedario Ignacio Vidondo e la redenzione di Algeri del 1654, in Convivenze e conflitti religiosi nel Mediterraneo (secc. XVII-XIX), a cura di Cabibbo, Lupi, Viella, Roma 2012

 

[con Alessandro Serra], La figura di sant’Alessio fra trattatistica agiografica e letteratura devota (secc. XVI-XVIII), in La figure de saint Alexis dans la culture et la dévotion de l’époque moderne, a cura di B. Dompnier, numero monografico di “Mefrem”, 2012

 I santi antichi nella Sicilia moderna, in Le catholicisme moderne et les saints des origines, a cura di B. Dompnier, École française de Rome, 2012

 

 

 

 

Stefano Cavallotto

Area di ricerca: Riforma, Concilio Vaticano II.

Tipologia di impegno: tutoraggio, assistenza alla ricerca.

Contatti: cavallotto@lettere.uniroma2.it

Curriculum e pubblicazioni:

Stefano Cavallotto, laureato in filosofia (1976) e dottore in teologia (1990), è stato più volte borsista (1975-78) presso l’Institut für Europäische Geschichte di Mainz, dove ha condotto ricerche su temi della Riforma protestante sotto la direzione dei proff. J. Lortz, P. Meinhold, P. Manns e B. Ulianich confluite nella pubblicazione di due saggi sull’ecclesiologia di Filippo Melantone. E’ stato anche borsista (1978 e 1982) dell’Istituto per le Scienze Religiose di Bologna. Dal 1987 è ricercatore confermato (1991) in Storia del cristianesimo e delle Chiese presso il Dipartimento di Storia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata e insegna Storia del Cristianesimo in epoca moderna e contemporanea (LT e LS / LM) nella medesima università. Nel 2010 ha vinto il concorso di professore associato.

I suoi interessi scientifici riguardano principalmente tre aree storiche: Umanesimo/Riforma/Controriforma, il secolo dei Lumi e il secolo XX. Ha curato l’edizione italiana de L’elogio della follia di Erasmo, di vari scritti pastorali e devozionali di Lutero e dei sermoni di Melantone e studiato in particolare, in vista anche della pubblicazione in italiano, la Vermahnung an die Geistlichen (1530) di Lutero nel contesto della Dieta di Augusta del 1530. Svolge inoltre ricerche sulle questioni agiografiche: in riferimento al protestantesimo del primo ‘500 ha analizzato le posizioni del Riformatori e delle chiese evangeliche (Kirchenordnungen, Bekenntnisschriften e di altri documenti ufficiali) non soltanto sulla tradizionale Heiligenverehrung, ma anche a proposito dei testi agiografici più usuali (Legenda aurea, Catalogus sanctorum, Vitae patrum, ecc.) e la loro reintroduzione nel mondo evangelico, dopo accurata “purificazione” (ad esempio i testi di Bonnus, Major, Splalatin), con particolare attenzione al fenomeno della “scrittura agiografica” relativa ai martiri protestanti (cfr. il volume Santi nella Riforma. Da Erasmo a Lutero, Viella 2009). Un secondo filone di ricerca, tuttora in fieri, attiene specificamente ai martirologi protestanti del XVI secolo con l’obiettivo di approfondire il loro genere letterario in rapporto al ristabilimento dell’identità politica e culturale protestante negli Stati europei. Una delle implicazioni di questi lavori sull’agiografia è stato lo studio della figura di Savonarola nella pubblicistica protestante del XVI-XVII secolo.

Ha dedicato indagini specifiche su molti protagonisti delle vicende del XVI secolo in ambito protestante e cattolico per la preparazione di numerose voci enciclopediche (cfr. Lexikon. Dizionario dei teologi, ed. Piemme, Casale Monferrato 1998 e Dizionario dell’età delle riforme 1492-1622, ed. Città Nuova, Roma 2006).

Ha anche analizzato i conflitti di religione del XVII secolo, le correnti spirituali in Francia con particolare attenzione a Vincent Depaul (Dame della Carità, le Figlie della Carità, Lazzaristi) e il rapporto religione/rivelazione, religione naturale/rivelazione soprannaturale nel secolo dei Lumi.

Per il periodo più contemporaneo si è interessato alla situazione delle chiese cristiane in Germania sotto il nazismo, al Concilio Vaticano II e relativo problema della sua ricezione nella Chiesa cattolica e alla storia del Cristianesimo in America Latina con particolare attenzione all’emergere di “nuovi-attori” della storia e della storiografia sulla base di una rivalutazione delle risorse archivistiche locali e al recupero della “memoria dei vinti”.

 

 

Tipo di impegno all’interno del corso di Dottorato

 

50-70 ore fra attività di tutor, lezioni, seminari.

 

PUBBLICAZIONI

 

1) A proposito di un recente manuale di Storia del Cristianesimo, in “Rassegna di Teologia”, 41(2000)453-461 [recensione a Storia del Cristianesimo. Religione-Politica-Cultura, sotto la direzione di J.-M. Mayeur. Ch. e L. Pietri, A. Vauchez, M. Venard, edizione italiana a cura di G. Alberigo • vol. V: Apogeo del papato ed espansione della cristianità (1054-1274)[1993], a cura di A. Vauchez e con la collaborazione di J. Kloczowskj, A. Paravicini Bagliani, M. Parisse, E. Patlagean, J.-M. Martin, edizione italiana a cura di A. Vasina, Borla / Città Nuova, Roma 1997;• vol. XII: Guerre mondiali e totalitarismi (1914-1958) [1990], ed. Borla-Città Nuova, Roma 1997].

 

2) Nota bibliografica per l’Edizione italiana a cura di S. Cavallotto, in Storia del Cristianesimo. Religione – Politica – Cultura, sotto la direzione di J.-M. Mayeur. Ch. e L. Pietri, A. Vauchez, M.Venard, edizione italiana a cura di G. Alberigo, vol. VII: Dalla riforma della Chiesa alla Riforma protestante (1450-1530), a cura di M.Venard, ed. it. A cura di M. Marcocchi, Borla- Città Nuova, Roma 2000, pp. 849-858.

 

3) Introduzione e Nota bibliografica a M. LIENHARD, M. Lutero. La passione di Dio, Borla, Roma 2001, pp. 5-18.

 

4) [Curatela] FILIPPO MELANTONE, Predicazione evangelica. Sermoni per le domeniche dell’anno, a cura e con Introduzione di Stefano Cavallotto, Ed. Piemme, Casale Monferrato 2001.

 

5) Introduzione in FILIPPO MELANTONE, Predicazione evangelica. Sermoni per le domeniche dell’anno, a cura e con Introduzione di Stefano Cavallotto, Ed. Piemme, Casale Monferrato 2001.

 

6) Il recupero di un’immagine: Carlostadio in un recente saggio di A. Gallas, in “Cristianesimo nella Storia” 22(2001)437-450.

 

7) Chiesa e stato tra XI-XII secolo: Momenti e figure, in F. CIPOLLINI (a cura di), Bruno di Segni († 1123) e la chiesa del suo tempo. Giornate di studio. Segni, 4-5 novembre 1999, Ed. EVA, Venafro 2001, 93-118.

 

8) Sui martirologi protestanti del XVI secolo. Appunti ed interrogativi per una ricerca, in S. BOESCH GAJANO- R. MICHETTI (a cura di), Europa sacra. Raccolte agiografiche e identità politiche in Europa fra Medioevo ed Età moderna, Carocci, Roma 2002, 321-351. [ISBN 88-430-2377-1].

 

9) Il Vierzehnerausschußgespräch  del 16 agosto 1530: cedimento di Melantone sulla dottrina della giustificazione?, in C. APARICIO VALLS–C. DOTOLO-G.PASQUALE (edd.), Sapere teologico e unità della fede. Studi in onore del Prof. Jared Wicks, Editrice Pontificia Università Gregoriana, Roma 2004, 352-385. [ISBN 88-7652-987-X].

 

10) [Curatela] ERASMO DA ROTTERDAM, Elogio della Follia. Corrispondenza Dorp-Erasmo-Moro, Introduzione e note di Stefano Cavallotto, Traduzione della Comunità di San Leonino, Revisione del curatore, Paoline, Milano 2004 [ISBN 88-315-2701-0].

 

11) Introduzione in ERASMO DA ROTTERDAM, Elogio della Follia. Corrispondenza Dorp-Erasmo-Moro, Introduzione e note di Stefano Cavallotto, Traduzione della Comunità di San Leonino, Revisione del curatore, Paoline, Milano 2004, 9-135 [ISBN 88-315-2701-0].

 

12) «Heiligentexte, ‘devozione’ ai santi e riforma liturgica nelle Chiese protestanti (1522-1552)» in Il tempo dei santi fra Oriente e Occidente. Liturgia e agiografia dal tardo antico al concilio di Trento. Atti del IV Convegno di Studio dell’Associazione italiana per lo studio della santità, dei culti e dell’agiografia. Firenze, 26-28 ottobre 2000, a cura di A. Benvenuti e di M. Garzaniti, Viella, Roma 2005, pp. 253-276 . [ISBN 88-8334-121-X].

 

13) [Curatela] S. CAVALLOTTO – L. MEZZADRI  (a cura di),  Dizionario dell’età delle riforme. 1492-1622, Città Nuova, Roma 2006 [ISBN 88-311-9334-1].

 

 

14) voc.  Adriano VI, in S. CAVALLOTTO – L. MEZZADRI  (a cura di),  Dizionario dell’età delle riforme. 1492-1622, Città Nuova, Roma 2006 [ISBN 88-311-9334-1].

 

15) voc.  Agricola, Johann, ivi

 

16) voc.  Alberto III Pio, Conte Di Carpi, ivi,

 

17) voc.  Alessandro VI, ivi,

 

18) voc.  Bale, John, ivi, 

 

19) voc.  Brenz, Johannes, ivi, 

 

20) voc.  Capitone Wolfgang Köpfel, detto, ivi,

 

21) voc.  Carlostadio,  Andreas  Bodenstein, detto, ivi,

 

22) voc.  Chemnitz, Martin, ivi,

 

23) voc. Cocleo, Johannes Dobeneck, detto, ivi,

 

24) voc.  Crespin, Jean, ivi,

 

25) voc. Ecolampadio, Johannes Hutzgen o Husschin, detto, ivi,  

 

26) voc.  Erasmo da Rotterdam, ivi,  

 

27) voc.  Flacio Mattia, detto Illirico, ivi,

 

28) voc.  Foxe, John, ivi,

 

29) voc.  Giulio II, ivi,  

 

30) voc.  Giulio III, ivi,

 

31) voc.  Gregorio XIII, ivi,  

 

32) voc.  Grumbach, Argula von, ivi,  

 

33) voc.  Hutten, Hulrich  von, ivi,  

 

34) voc.  Jonas, Justus, ivi,

 

35) voc.  Kaiser, Leonhard, ivi,  

 

36) voc.  Leone X, ivi,

 

37) voc.  Lutero, Martino, ivi,  

 

38) voc.  Major, Georg, ivi,  

 

39) voc.  Melantone,   Filippo, ivi,  

 

40) voc.  Müntzer, Thomas, ivi, 

 

41) voc. Ochino, Tommasini  Bernardino, detto, ivi,

 

42) voc.  Paolo IV, ivi,  

 

43) voc.  Pio IV, ivi,

 

44) voc.  Pio V, ivi,

 

45) voc.  Rabus,  Ludwig, ivi,  

 

46) voc.  Schwenckfeld,  Kaspar  von, ivi,

 

47) voc.  Serveto,  Michele, ivi,  

 

48) voc.  Sisto V, ivi,  

 

49) voc.  Staupitz, Johann   von, ivi,  

 

50) voc.  Stunica, Diego López De Zúñiga, detto, ivi,  

 

51) voc.  Valdés, Juan de, ivi,

 

52) voc.  Vergerio Pietro Paolo (Il Giovane) , ivi,  

 

53) voc.  Vermigli,  Pietro  Martire, ivi,  

 

54) voc.  Cavour, Convenzione di, ivi,  

 

55)  Recensione a La Croce. Iconografia e interpretazione (secoli I-inizio XVI). Atti del Convegno Internazionale di Studi  (Napoli 6-11 dicembre 1999), a cura di B. Ulianich e con la collaborazione di U. Parente, 3 voll., Napoli 2007, 374 pp. + 181 ill., 456 pp. + 216 ill., 442 pp. + 210 ill. in Sanctorum  6 (2009) 321- 326.

 

56)  Santi nella Riforma. Da Erasmo a Lutero, Viella, Roma 2009  [ISBN 978-88-8334-367-4]

 

57)  La pratica della confessione dei peccati nelle chiese della Riforma, in “Chiesa e Storia” 1 (2011), 157-198 [ISBN 978-88-6244-163-6]

 

58) San Giustino De Jacobis primo Vicario Apostolico d’Abissinia, in Guglielmo Massaja. 1809-2009. Percorsi, influenze, strategie missionarie, a cura di L. Ceci, Roma 2011, 33-74 [ISBN 978-88-88692-75-3].

 

59) [Curatela] M. LUTERO, Il Cristo predicato. Sermoni domenicali e festivi. Antologia, Introduzione e note di Stefano Cavallotto, Traduzione di Franca Belski, Ed. Paoline, Milano 2011 [ISBN 978-88-315-3718-6].

 

60) Introduzione in M. LUTERO, Il Cristo predicato. Sermoni domenicali e festivi. Antologia, Introduzione e note di Stefano Cavallotto, Traduzione di Franca Belski, Ed. Paoline, Milano 2011, 7-118 [ISBN 978-88-315-3718-6].